LABORATORI BIOLINE - INTEGRATORI PER LO SPORT E LA VITA ATTIVA

Aspartame

Azienda: BIOLINE
Prodotto Codice: 78BIOLINE
Disponibilità: Disponibile
Aspartame
Le immagini dei prodotti sono puramente a scopo illustrativo
€ 8,00 IVA inc. Prezzo Bioline
€ 7,50 cad. se acquisti piu' di un pezzo
Formati disponibili

Barattolo 100 grammi - 8,00 €
Quantità:
  Aggiungi al carrello


Addplus Aspartame è un additivo alimentare che trova impiego nella dolcificazione delle bevande analcoliche.
Considerate le ridottissime dosi di impiego è praticamente privo di calorie e non provoca carie. Per questo viene spesso utilizzato durante regimi dietetici ipocalorici (dimagranti) e/o ipoglucidici (nella dietoterapia del diabete mellito) come dolcificante sostitutivo dello zucchero.
+ Prodotti originali Materie prime certificate. Produzione 100% Made in Italy
+ Spedizione veloce e sicura entro 48-72 ore con corriere espresso SDA o GLS, a soli 5€
+ Sconti e promozioni Spedizione gratis ordini > 80€
Sconto 2% per ordini > 150€
Sconto 4% per ordini > 200€
Tags Integratore:


Aspartame

Caratteristiche chimico-biologiche

L’aspartame è un additivo alimentare utilizzato in ambito dietetico ed industriale come dolcificante. Assente in natura, è prodotto artificialmente in laboratorio a partire da due aminoacidi quali l’aspartato e la fenilalanina esterificati con metanolo, presentando pertanto il medesimo apporto calorico del comune zucchero da tavola, ma con un potere dolcificante circa 200 volte maggiore.
Quest’ultima caratteristica consente di ottenere il medesimo effetto organolettico dello zucchero da tavola ma con quantità sensibilmente ridotte tali da risultare insignificanti dal punto di vista calorico e metabolico.
A questa caratteristica se ne aggiunge un'altra di estrema importanza, rappresentata dalla completa assenza di potere cariogeno, dal momento che, non rientrando nei pattern fermentativi dei patogeni del cavo orale come gli Streptococchi, mantiene inalterato lo smalto dentale, favorendo al contempo la secrezione salivare utile alla detersione del cavo orale.
Le suddette proprietà chimico-biologiche ne hanno consentito la rapida diffusione sia in prodotti dietetici che dolciari, distinguendosi in etichetta con la E951 utile a ridurne sensibilmente l’utilizzo nelle porzioni.

Notizie dal mondo scientifico

Il termine Aspartame evoca nella maggior parte dei casi pareri ed opinioni al quanto contraddittorie relative alla sua efficacia preventiva ed ai potenziali effetti collaterali.
Per anni ed ancora oggi si discute sui numerosi studi presenti in letteratura che hanno mostrato la presenza di effetti collaterali neurotossici in cavie da laboratorio esposte a concentrazioni massive di aspartame, nelle quali il metanolo liberato dalla normale digestione di questo prodotto e fermentato dalla flora intestinale in formaldeide sembrava provocare gravi disturbi visivi,  nervosi e tumorali.
Tuttavia le principali organizzazioni internazionali, e in testa a tutte la FDA, dopo aver rivalutato attentamente tutti i dati pubblicati in letteratura, aver proposto differenti trial clinici conclusi positivamente e aver osservato gli effetti a lungo termine di tale prodotto, ha espresso un opinione positiva ribadendo la sicurezza di questo dolcificante e definendone sicuro l’impiego fino a 40 mg per kg di peso corporeo, quantità decisamente superiore rispetto altri edulcoranti come l’acesulfame k.
Una corretta valutazione dei pro e dei contro dell’utilizzo di dolcificanti sintetici come l’aspartame rispetto al comune saccarosio, non dovrebbe prescindere dal riscontro oggettivo dei vantaggi metabolici promessi.
A tal proposito una delle principali finalità relative al consumo dell’aspartame, ossia il miglioramento del profilo metabolico dei pazienti diabetici, non è stata al momento suffragata da lavori scientifici; la rilettura critica dei lavori pubblicati infatti non mostra alcun tipo di miglioramento del metabolismo glucidico in pazienti affetti da diabete consumatori di aspartame.
Alla luce di questi dati quindi, l’utilizzo industriale di questo edulcorante sintetico sembra esser giustificato esclusivamente dal grande potere dolcificante, che ne riduce sensibilmente le quantità utilizzate a favore di un apporto calorico decisamente limitato, utile ad esempio durante regimi dietetici ipocalorici.

Lavori in corso

Nonostante il profilo metabolico dell’aspartame sia stato molto ben caratterizzato, differenti gruppi di ricerca continuano a sperimentare l’utilizzo di questo edulcorante su modelli cellulari e cavie da laboratorio alla ricerca di nuove potenzialità terapeutiche.
Ed è proprio in questo sensi che numerosi studi indipendenti l’uno dall’altro sembrano avvalorare l’ipotesi di un potenziale ruolo antinfiammatorio ed antiossidante di conseguenza protettivo.
E’ tuttavia fondamentale chiarire che la maggior parte degli studi presenti in letteratura sono condotti su sistemi in vitro e cavie da laboratorio sottoposte a dosaggi decisamente differenti da quelli utilizzati nella comune alimentazione, e che pertanto non possono essere assolutamente traslati all’organismo umano.
Solamente trial clinici ben impostati e privi di vizi di fondo, potrebbero dimostrare la reale efficacia di questo prodotto e i relativi effetti collaterali.

Modalità d'uso

Come accennato in precedenza l’aspartame viene utilizzato come additivo alimentare per aumentare il sapore dolce del prodotto mantenendo limitato l’impatto calorico.
Nonostante la massima dose sicura utilizzabile sia quella di 40mg per Kg di massa corporea, che per un uomo di 70 kg equivalrebbero a circa 3 grammi giornalieri, la quantità riscontrabile nei prodotti dolciari o dietetici è decisamente e fortunatamente inferiore così come quella presenta nelle comuni tavolette dolcificanti solitamente pari a 18mg.
Tuttavia sarebbe bene considerare l’elevata esposizione a questo dolcificante a cui è sottoposta la comune alimentazione umana e quindi al relativo accumulo giornaliero che si potrebbe realizzare nell’organismo.

Aspartame - Effetti collaterali

Innanzi tutto è necessario ribadire la presenza di fenilalanina nell’aspartame che ne limita l’impiego in pazienti affetti da fenilchetonuria, potenzialmente esposti ad importanti reazioni avverse.
Definire i potenziali effetti collaterali dell’aspartame risulta al quanto complesso vista la presenza di numerosissimi studi puntualmente smentiti.
Nonostante ciò sembra che la maggior parte delle reazioni avverse agli edulcoranti, alcune delle quali anche gravi, siano proprio correlate all’assunzione di elevate quantità di aspartame.
Se la dose fino a 40 mg per kg di peso corporeo sembra essere sicura e ben tollerata, dosaggi superiori sembrano potersi correlare a emicrania, capogiri, convulsioni, nausea, spasmi muscolari, incremento ponderale, ipertensione, variazioni della percezione del gusto, irritabilità, stanchezza, difficoltà respiratorie e altre condizioni non ancora del tutto caratterizzate.
I suddetti effetti collaterali non sono tuttavia legati all’edulcorante in quanto tale, ma all’accumulo di suoi cataboliti come il metanolo e formaldeide, aspartame e fenilalanina.


Articolo a cura del Dr. Davide Racaniello

Studi - Bibliografia

Effect of aspartame on plasma amino acid profiles of diabetic patients with chronic renal failure.
Gupta V, Cochran C, Parker TF, Long DL, Ashby J, Gorman MA, Liepa GU.
Am J Clin Nutr. 1989 Jun;49(6):1302-6.

Response to single dose of aspartame or saccharin by NIDDM patients.
Horwitz DL, McLane M, Kobe P.
Diabetes Care. 1988 Mar;11(3):230-4.
 
Consumption of aspartame-containing beverages and incidence of hematopoietic and brain malignancies.
Lim U, Subar AF, Mouw T, Hartge P, Morton LM, Stolzenberg-Solomon R, Campbell D, Hollenbeck AR, Schatzkin A.
Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 2006 Sep;15(9):1654-9.

Metabolic effects of adding sucrose and aspartame to the diet of subjects with noninsulin-dependent diabetes mellitus.
Colagiuri S, Miller JJ, Edwards RA.
Am J Clin Nutr. 1989 Sep;50(3):474-8.

Aspartame: Sweetener with anti-inflammatory potential?
Pradhan S, Shah UH, Mathur AG, Sharma S.
J Pharmacol Pharmacother. 2010 Jul;1(2):113-4. 

Aspartame and incidence of brain malignancies.
Davis DL, Ganter L, Weinkle J.
Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 2008 May;17(5)

Aspartame effects on the brain.
Fernstrom JD.
Eur J Clin Nutr. 2009 May;63(5):698-9; 

---
Analisi Media   Per 100g
Valore energetico Kj 0
KCal 0
Grassi g 0
    di cui saturi g 0
Carboidrati g 0
    di cui zuccheri g 0
Fibre g 0
Proteine g 0
Sale mg 0
Aspartame E591
Si consiglia di non superare la dose massima giornaliera di mg 350 di aspartame per kg di prodotto finito. Il prodotto teme la luce e l'umidità. Conservare l'acesulfame al buio ed in luogo fresco.
Si consiglia di non superare la quantità massima giornaliera di mg 350 di aspartame per kg di prodotto finito.
Contine una fonte di fenilalanina
Il prodotto teme la luce e l'umidità. Conservare l'acesulfame al riparo dalla luce e dall'aria. Teme l'umidità.
Accedi alla pagina certificazioni per visualizzare le informazioni relative alle materie prime utilizzate nei nostri integratori

Fai una domanda su Aspartame

I nostri esperti rispondo alle tue domande su Aspartame. Per domande su ordini, spedizioni, pagamenti ecc. clicca qui.

Domanda inviata. Quando la tua domanda verrà approvata riceverai una notifica via email.